Sistema letto: LA RETE!

Quando si dorme male si pensa subito a cambiare o cuscino o materasso ma la rete è fondamentale nel Sistema Letto. Una rete rotta o vecchia non sostiene e fa lavorare in modo corretto il materasso, rischiando di danneggiarlo.

Esistono varie tipologie di reti ma possiamo dire che la durata medica è dai 10 ai 20 anni: tutto dipende, ovviamente, dall’uso che se n’è fatto ed anche dal nostro fisico. Ad esempio se tu ed il tuo partner siete leggeri e longilinei, la vostra rete durerà di più di quella di una coppia con un fisico “importante”.

Vediamo assieme varie tipologie di reti:

  • Rete a doghe con struttura in ferro o in legno: La rete con struttura in ferro ha sempre doghe in legno ma il bordo laterale e le gambe sono in ferro. La rete con struttura in legno, invece, è tutta in legno.
  • Rete con doppie doghe o doga singola: La rete con doppie doghe si differenzia perché nella zona lombare le doghe sono doppie e hanno i regolatori di rigidità. Aspetto molto utile dato che così si può regolare la morbidezza che dà la doga.
  • Rete con sospensioni: La rete con sospensioni aiuta il materasso ad adattarsi maggiormente alle vostre forme, e modificheranno la superficie seguendo i vostri spostamenti durante il sonno. Mentre la rete senza sospensioni è molto più statica, l’elasticità e la capacità di adattamento al materasso è data solo dalla curvatura della doga.

Troviamo poi vari topologie di reti, fisse, elettriche, manuali che fanno fronte ad ogni esigenza.

Il consiglio che vi diamo è affidarsi ad uno specialista che vi consiglierà la Rete adatta a voi e al vostro materasso.

IL SONNO INFLUENZA SULLA NOSTRA PELLE?

Un buon sonno può davvero cambiare il nostro modo di essere, dall’umore alla salute.

La pelle di chi riposa bene ha una sana barriera protettiva e gode di migliori capacità respiratorie e di maggiori scorte di acqua idratante.

Basta pensare che quando una persona non riesce a dormire abbastanza la mancanza di sonno è il primo segnale che affiora sul viso con occhiaie, rughe più in vista e pelle dal colorito spento. La soluzione è semplice ed è dormire almeno 7 ore a notte. Se ti stai chiedendo se dormire di giorno è la stessa cosa, la risposta è no.

Quando dormi le cellule della pelle si rigenerano più in fretta e meglio. Durante le ore di sonno mentre quasi tutti gli organi del corpo subiscono un rallentamento forzato delle loro funzionalità, altre parti sono molto più ricettive e riescono a trarre straordinari benefici dal tempo passato a dormire

Durante la notte hai una maggiore produzione di collagene.

I trattamenti cosmetici agiscono meglio di notte. Durante le ore diurne devi difendere la pelle dall’azione aggressiva di elementi esterni quali sole, vento, freddo e inquinamento, vento: di notte questi agenti non sussistono o sono comunque attenuati

Proprio per migliorare la loro efficacia è fondamentale valorizzare le ore di sonno con un efficiente insieme di accessori per dormire bene:

•             biancheria e lenzuoli in fibre di cotone

•             una stanza arieggiata

•             finestre ben insonorizzate

•             assenza di luci accese

•             tablet e smartphone spenti

•             materasso specificatamente indicato per le tue esigenze

Concludendo vogliamo dire che un buon riposo è essenziale per la nostra pelle, aspetto da non sottovalutare dato che è la prima cosa che si nota.

DORMIRE ASSIEME A PERSONE CHE SI AMAZON FA DAVVERO BENE?

Da sempre si pensa che dormire assieme a persone che si amano possa cambiare il nostro umore.

Ma effettivamente cosa succede al nostro corpo quando lo facciamo?

Dormire abbracciati è un rimedio naturale che contrasta tutti quei disturbi dovuti all’ansia e allo stress che si accumulano irrimediabilmente durante le ore diurne, agisce sul sistema fisiologico, sulla felicità coniugale e sul benessere generale dell’organismo.
Toccare o sfiorare il corpo del proprio partner durante il sonno aumenta nell’organismo la produzione di un particolare ormone, l’ossitocina, comunemente denominato ormone dell’amore. L’ossitocina è molto importante nell’organismo, regola numerose funzioni e agisce in particolari circostanze come ad esempio durante il parto, un’adeguata produzione di quest’ormone è scientificamente dimostrato che diminuisca ansie e stress.

Un articolo pubblicato sulla rivista Frontiers in Psychiatry gli esperti del Center for Integrative Psychiatry (ZIP), in Germania, ha studiato gli effetti del sonno individuale e di coppia, valutando non solo i movimenti, ma la durata e la profondità delle varie fasi.

“Il nostro lavoro mostra che le coppie riescono a sincronizzare gli schemi del sonno quando dormono insieme, non perché il movimento fisico di un partner influenzi il sonno dell’altro, é semplicemente una misura della profondità della relazione”, osserva ancora Drews, precisando che esistono ancora diversi interrogativi legati all’argomento.

“Il prossimo passo sarà diversificare il campione e osservare se e in che misura si riscontrano questi effetti, ma dormire con un partner potrebbe effettivamente migliorare la salute mentale della coppia”, conclude l’esperto.

Quindi possiamo dire che dormire e toccare / sfiorare qualcuno che amiamo farà sicuramente bene al nostro umore.

LA LUNA PIENA INFLUENZA LA QUANITAÀ DEL NOSTRO SONNO O È SOLO UNA CREDENZA POPOLARE?

Un gruppo di ricercatori svizzeri, coordinati da Christian Cajochen, biologo dell’università di Basilea, ha condotto uno studio lungo l’arco di tutte le stagioni, monitorando il sonno di 33 soggetti volontari (maschi e femmine, in un’età compresa tra i 20 e i 74 anni) dimostrando che di fatto nelle notti di luna piena la qualità del sonno peggiora in maniera evidente.

Durante le notti di plenilunio la tendenza è quella di dormire, mediamente, 20 minuti meno.Lo studio ha evidenziato che, in questi particolari momenti, il sonno dei soggetti coinvolti nell’esperimento diminuiva, necessitavano in media di 5 minuti in più per addormentarsi, l’attività cerebrale durante le fasi di sonno profondo calava del 30 per cento ed i livelli di melatonina (noto ormone che regola i cicli di sonno e veglia) si abbassavano.

In poche parole è come se gli esseri umani fossero dotati di un “orologio circalunare” biologico ed il loro ciclo del sonno venisse in qualche misura scandito dalle fasi lunari.

Lo studioso afferma che «Ogni uomo sulla Terra ha il proprio ritmo circadiano di 24 ore – ha spiegato Cajochen – [dopo questo esperimento] possiamo ipotizzare che ognuno sperimenti anche gli effetti del ciclo lunare. Forse il cervello ha anche un orologio circalunare, ma semplicemente non lo riconosciamo»

Insomma, la prossima volta che vi capita di dormire male provate a controllare se era un giorno di luna piena!

Per quanto riguarda i bambini secondo i risultati dei ricercatori, l’effetto della Luna piena sul sonno è poco significativo: cala in media di 5 minuti rispetto ai periodi di Luna nuova, con una diminuzione dell’1%. Un dato insufficiente per considerare che questo satellite potrebbe avere un impatto sulla salute dei bambini, spiegano gli autori.

DORMIRE BENE ANCHE IN ESTATE!

Nella stagione più calda dell’anno e davvero difficile dormire serenamente, quante notti insonni passate per via del troppo caldo.

Vediamo assieme qualche piccolo accorgimento per poter dormire serenamente anche durante i mesi più caldi.

  1. Dormi in una stanza fresca. Area bene o cerca di rinfrescare la stanza. Durante le ore più calde tieni chiusi balconi e le finestre così da non far entrare il caldo, area la camera da letto alla sera, quando il sole è sceso o comunque nelle ore più fresche. Eventualmente procurati un condizionatore o un deumidificatore che aiuta a togliere l’umidità e a rendere la stanza meno calda.
  2. Mangiare leggero. Durante l’estate è meglio consumare pasti leggeri così che il nostro copro abbia meno lavoro da compiere per assimilare il pasto e si percepirà meno caldo.
  3. Bere molto. Una buona idratazione contribuisce, infatti, a diminuire notevolmente la sensazione di calore.
  4. Non lasciare oggetti tecnologici accesi o in carica in camera. Generando calore supplementare possono contribuire al surriscaldamento della stanza.
  5. Utilizza il copri guanciale e il coprimaterasso in tessuto che assorbe, immagazzina e rilascia il calore al fine di garantire un controllo ottimale dell’umidità e della temperatura.

Questi sono alcuni dei consigli utili per dormire bene anche d’estate, ognuno di noi vive il caldo in modo diverso e ha necessità diverse.

Affidati ad un esperto che sappia consigliarti i prodotti corretti in base alle tue esigenze.

ACARI. CHI SONO E COME SCONFIGGERLI.

Acaro, minuscolo organismo che può causare irritazioni cutanee e alle vie respiratorie in tutti coloro che ne sono allergici

Negli ultimi anni la popolazione colpita da allergie è in continuo aumento, in particolare agli acari della polvere presente quotidianamente nelle nostre case.

È scientificamente provato che il 25% delle allergie e almeno il 50% delle forme asmatiche possono essere causate da allergie agli acari di casa, in particolare del proprio letto.

Una temperatura della stanza maggiore di 20° e l’umidità che va tra il 60 – l’80% sono solo alcune delle situazioni che favoriscono la prolificazione degli acari. La presenza in casa di molti soprammobili o di oggetti può aumentare la presenza di acari e microrganismi.

Vediamo quindi assieme come possiamo eliminarli.

  • Areare la propria casa almeno una volta al giorno per 20 minuti, preferibilmente al mattino.
  • Diminuire l’umidità dei locali arrivando ad un 50-55%. In questo modo l’acaro si disidraterà e morirà. Quindi evitiamo di stendere il bucato in casa, una volta completata la doccia aprire una finestra ma senza che il vapore vada nel resto della casa, acquistare un deumidificatore.

Il luogo dove troviamo più frequentemente gli acari è, come abbiamo detto prima, nel letto.

Anche qui possiamo attuare alcune soluzioni per evitare il prolificare degli acari.

  1. Prediligere materassi e cuscini in lattice, materiale che consente una buona traspirazione, senza essere permeabile alla polvere. (Ricordiamo però che la stanza deve essere ben areata e priva di muffa altrimenti il materasso e i cuscini ne risentirebbero)
  2. Adottare copricuscini e coprimaterassi Anti-Acaro che evitano la diretta esposizione agli allergeni degli acari garantendo freschezza e igiene.
  3. Cambiare settimanalmente le lenzuola e il copricuscino.

Purtroppo non è possibile sterminare gli acari della polvere, queste sono solo alcune misure preventive per ridurre efficacemente gli allergeni nell’ambiente domestico e controllare così l’allergia provocata da queste sostanze.

Se i problemi alla cute o alle vie respiratorie dovessero continuare o aumentare consigliamo di consultare il proprio medico.

COME DORMIRE BENE ANCHE IN QUESTA SITUAZIONE

Purtroppo il Coronavirus ha colpito il nostro e molti altri stati. I nostri governatori ci hanno raccomandato di rimanere a casa e di spostarci solamente in caso di vera necessità.

Passando così tanto tempo a casa il riposo né può risentire. Vediamo assieme alcuni rimedi per dormire bene anche in questo periodo.

  1. Cerca di mantenere un orario stabilito nel dormire. Prima della quarantena dormivi solamente 8 ore durante la notte, mentre durante il giorno rimanevi sveglio per i vari impegni che avevi. Non modificare questa abitudine, così da arrivare a fine giornata stanco e riuscire a dormire meglio.
  2. Cerca di praticare un po’ di attività fisica. Stando molto in casa tendiamo a stare molto stesi o seduti e il nostro corpo ne risente. Cerca di fare un po’ di attività fisica ogni giorno, guarda un tutorial su internet o metti in pratica ciò che ha imparato in palestra. In questo modo il tuo organismo sarà un po’ più stanco e più volenteroso nel dormire.
  3. Non stare troppo al telefono prima di andare a dormire. Limita la luce degli apparecchi elettronici prima di andare a dormire, magari leggi un libro o fai una partita a carte con la tua famiglia.
  4. Cerca ogni giorno qualcosa da fare. Aiuta in casa nelle faccende, inventa nuovi giochi da fare ai figli, leggi nuovi libri, dipingi, impara a cucinare. Tieniti più possibile impegnato, in questo metodo anche le giornate passeranno più velocemente.
  5. Rilassati un po’ prima di coricarti. Avendo più tempo puoi finalmente dedicarti a te stesso. Fai un bagno caldo, prenditi cura del tuo corpo, fatti fare un massaggio.
  6. Non ascoltare troppe notizie prima di coricarti, soprattutto brutte. Il nostro cervello sarà carico di informazioni e poco propenso ad addormentarsi velocemente.

Con questi pochi accorgimenti speriamo di averti aiutato nel superare al meglio questo periodo difficile per tutti.

E vedrai… ANDRA’ TUTTO BENE! Mi raccomando RESTA A CASA!

#iorestoacasa #andràtuttobene

PRIMAVERA: COME RIPOSARE BENE ANCHE CON LE ALLERGIE!

In questi giorni sta arrivando la primavera, uno dei periodi più belli. Giardini e alberi fioriscono, la natura si risveglia, le giornate iniziano ad allungarsi.

Purtroppo però con la primavera avviano anche le allergie che oltre a disturbare la quotidianità fanno sì che non si riesca a riposare bene.

Vediamo assieme 5 consigli che ti aiuteranno a dormire bene anche con l’allergia.

  1. Consulta un allergologo. Con l’aiuto di un professionista potrai trovare la cura più adatta a te e in questo modo riuscirai a vivere e a dormire molto meglio
  2. Dormi con la testa rialzata. La congestione nasale peggiora da sdraiati perché il muco intasa le vie respiratorie, cerca un cuscino alto o metti più cuscini.
  3. Non aprire le finestre, soprattutto della camera. Il polline, grazie al vento, riuscirà ad entrare nella stanza e a depositarsi sul cuscino e sulle coperte. Nel periodo dell’anno dove trovi maggior fastidio cerca di evitare di aprire le finestre, aiutati con il condizionatore per il circolo di aria.
  4. Fai una doccia prima di andare a letto. Lava bene tutto il corpo, compresi i capelli. In questo modo il polline che si potrebbe essere posato su di te verrà tolto.
  5. Mantenere le vie respiratorie libere. Facendo dei lavaggi nasali migliorerai la respirazione e l’umidità delle mucose, aiutando ad eliminare allergeni, batteri, polvere e agenti inquinanti. Raccomandiamo però di non abusare di spray nasali vasocostrittori che agiscono riducendo la dilatazione dei vasi della mucosa nasale, riducendo, di conseguenza, l’ostruzione nasale ma se usati troppo creano assuefazione, perdendo la propria efficacia. Inoltre possono portare ad avere anche delle controindicazioni come l’insonnia.

Con questi pochi consigli speriamo di averti aiutato nel riposare meglio anche nei periodi in cui hai l’allergia. Ricordiamo sempre che consultare un professionista è la prima cosa da fare per poter superare la situazione al meglio.

DIPENDENZA DA SONNIFERI: 10 CONSIGLI SU COME LIBERARSENE

Purtroppo nella società di oggi si riesce sempre meno a dormire sonni tranquilli. L’uso dei sonniferi è sempre più in aumento e alcune volte diventa una vera e propria dipendenza

Vediamo assieme 10 consigli che possono aiutare a liberarsi di questo disagio.

  1. Consultare il proprio medico aiuterà a capire se la situazione è più o meno grave e come intervenire
  2. Avere fiducia nelle proprie capacità è un aspetto fondamentale, nessuno può aiutarti se non inizia tutto da te
  3. Crea una routine regolare prima di andare a letto, fai un bagno caldo, fai degli esercizi di rilassamento. In questo modo ti sarà più semplice affrontare questa situazione
  4. Evita di lasciarti coinvolgere in attività, soprattutto emotivamente, prima di coricarti perché potrebbero aumentare in te ansie che non ti aiuterebbero ad addormentarti
  5. Cerca di avere la camera più buia possibile così da non aver nessuna distrazione
  6. Svolgere una regolare attività fisica, contribuirà a indurre il bisogno di dormire di notte in quanto allenerai e affaticherai adeguatamente il corpo
  7. Evita alimenti e bevande molto zuccherate e soprattutto se contenenti caffeina prima di coricarti
  8. Usa la camera da letto solamente per dormire, evita di svolgerene all’interno altre attività
  9. Cerca di evitare l’uso di apparecchi elettronici prima di andare a dormire, le troppe informazioni date al nostro cervello lo terrebbero sveglio rischiando così di non riuscire a dormire.
  10. Consulta uno psicoterapeuta che potrebbe aiutarti nel capire le cause dei tuoi problemi del sonno

Speriamo con questi pochi consigli di averti aiutato nel poter superare questo disturbo. Ci raccomandiamo sempre di consultare uno specialista per non rischiare di aggravare la situazione.

Se vuoi qualcosa che non hai mai avuto, devi fare qualcosa che non hai mai fatto.

Thomas Jefferson

Giornata Mondiale del sonno 2020 – “Better Sleep, Better Life, Better Planet”

Oggi, 13 Marzo 2020, si celebra la Giornata Mondiale del Sonno. Nata nel 2008 dalla Commissione della Giornata mondiale del sonno della World Association of Sleep Medicine (WASM) ha lo scopo di celebrare i benefici di un sonno buono e salutare e di richiamare l’attenzione della società sulle problematiche legate ai disturbi del sonno e alle relative cure, nonché di promuovere la prevenzione dei disturbi del sonno e la loro gestione.

La Giornata Mondiale del Sonno 2020 vuole mettere in evidenza il posto importante che ha il buon sonno come pilastro della salute, consentendo ad ognuno di noi un migliore processo decisionale e una comprensione cognitiva anche in grandi questioni, come la salvaguardia del nostro pianeta.

Quest’anno ci si vuole volutamente focalizzare sul fatto che la qualità della vita può essere migliorata con un sonno sano, al contrario, quando non si riesce a dormire la salute diminuisce, diminuendo di conseguenza la qualità della vita.

La World Sleep Society ha raccolto dieci consigli per un sonno più sano, che possiamo considerare come i 10 comandamenti dell’igiene del sonno per adulti:

  1. Stabilisci un orario per coricarti e per svegliarti regolarmente
  2. Non superare i 45 minuti di riposino pomeridiano
  3. Non bere alcolici o fumare 4 ore prima di coricarti
  4. Evita l’assunzione di caffeina 6 ore prima di coricarti, ciò include cioccolato, caffè, tè e molte altre bibite
  5. Evita cibi pesanti, piccanti o zuccherati 4 ore prima di coricarti, uno spuntino leggero prima di dormire è accettabile
  6. Svolgi esercizio fisico regolare, ma non prima di coricarsi
  7. Trova una temperatura della stanza confortevole e mantenendola ben ventilata
  8. Blocca tutti i rumori che distraggono ed elimina quanta più luce possibile
  9. Riserva il tuo letto per dormire, evitandone l’uso per lavoro o per altre attività
  10. Cerca di avere un letto confortevole che aiuti il tuo sonno

Queste sono le 10 regole da seguire che ti aiuteranno a dormire meglio, per disturbi del sonno più gravi consigliamo di consultare uno specialista.

Come ricordiamo sempre il sonno è un momento fondamentale per il nostro organismo e come non ricordarlo proprio oggi!
Fonte: https://worldsleepday.org/toolkit